Recensione a: "Automi, termometri, fucili. L'immaginario della macchina nel romanzo inglese e francese del settecento", di S.Corso