«Ernani», il tempo degli ideali