"Organico" e "inorganico" in poesia: tracce di una linea dal Romanticismo al Pascoli