"Uno, nessuno e centomila": la scrittura