Metamorfosi di un epistolario: il caso di Montale