"Quaderni di Serafino Gubbio operatore": sintassi di un'impassibilità novecentesca