La malattia della parola e l'io narrante (tra Pirandello e Svevo)