Maria Corti: il lavoro culturale