Il gioco come spazio per l’illusione