Uno, due e tre: l'Edipo