Prova di commento ad un sonetto romagnolo di Olindo Guerrini