Cesare Mozzarelli e la centralità della storia moderna