In margine alla proposta di Marco Dorati: Narratologia cognitiva, qualche supplemento di riflessione su Erodoto e non solo