La fede nella continuità. La secolarizzazione che mangia il maestro