La semplice verità: il giudice e la costruzione dei fatti