Viene per la prima volta studiata in chiave comparativa e diacronica l’evoluzione di un topos retorico secondo il quale un essere umano risulta superiore a una figura mitologica oppure divina (superare divos). Il topos ha radici greche ma conosce un ampio e alquanto differente utilizzo nella letteratura latina: nella fattispecie, a un paragone puramente quantitativo, che si basa sulla condivisione tra uomo e dio del tratto riconosciuto come tertium comparationis, nella cultura romana, più distaccata rispetto al mito greco, si propongono confronti che si risolvono a favore dell’uomo in ragione di una qualità prettamente umana, non posseduta invece dalla divinità. Lo studio si articola in due parti e in sette sezioni cronologiche: prima parte: i poemi omerici, dai lirici greci a Isocrate, l’epigramma greco di età ellenistica (e romana), da Plauto all’età di Cesare (con particolare riferimento a Lutazio Catulo, Catullo e Lucrezio); seconda parte: tra Cesare e Augusto (con particolare riferimento a Ovidio), la prima età imperiale (Seneca, Stazio, Marziale); seguono le conclusioni.

Superare Divos: evoluzione di un topos

CANOBBIO, ALBERTO
2004

Abstract

Viene per la prima volta studiata in chiave comparativa e diacronica l’evoluzione di un topos retorico secondo il quale un essere umano risulta superiore a una figura mitologica oppure divina (superare divos). Il topos ha radici greche ma conosce un ampio e alquanto differente utilizzo nella letteratura latina: nella fattispecie, a un paragone puramente quantitativo, che si basa sulla condivisione tra uomo e dio del tratto riconosciuto come tertium comparationis, nella cultura romana, più distaccata rispetto al mito greco, si propongono confronti che si risolvono a favore dell’uomo in ragione di una qualità prettamente umana, non posseduta invece dalla divinità. Lo studio si articola in due parti e in sette sezioni cronologiche: prima parte: i poemi omerici, dai lirici greci a Isocrate, l’epigramma greco di età ellenistica (e romana), da Plauto all’età di Cesare (con particolare riferimento a Lutazio Catulo, Catullo e Lucrezio); seconda parte: tra Cesare e Augusto (con particolare riferimento a Ovidio), la prima età imperiale (Seneca, Stazio, Marziale); seguono le conclusioni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11571/21379
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact