La 'mala taciturnitas' tra il dovere della correzione e il piacere dell'affabilità