Il cavaliere del '400 tra morale cristiana ed esemplarità antica