Fisicità e amore nella narrativa di Henry Miller e Jeanette Winterson