Wittgenstein e il mito analitico