Quel 'pasticciaccio brutto' dei rottami ferrosi (parte seconda)