Classe dirigente, classe politica, "ceto burocratico". Una rivisitazione