La ricerca come gusto e sensibilità