Rigoletto: un Lear mancato?