Finitor Acervi (Pers. 6,80): un caso di allusività explicitaria?