La televisione a pagamento tra concorrenza e pluralismo informativo