In base alle esperienze maturate in tema di disastri aerei, si è appurato che nella relazione tra il tecnico che deve esaminare i resti cadaverici ed i parenti delle vittime che collaborano alla relativa identificazione si instaura un tipo di rapporto molto particolare. Un rapporto che, se gestito in modo inadeguato, espone il primo al rischio di procedere ad una identificazione enonea ed i secondi ai rischi di una vittimizzazione secondaria, con eventuale aggravamento del lutto patito. Si sottolinea pertanto l'esigenza di far intervenire medici-legali che, oltre a competenze specifiche in tema di identificazione cadaverica, abbiano anche una formazione di tipo psicopatologico. Così facendo, il medico-legale può contribuire da un lato a dare un supporto psicologico al suo interlocutore, per prevenime evoluzioni in senso peggiorativo del relativo status psichico ed evitare condotte incongrue di appropriazione dei reperti, e dall'altro può anche raccogliere, convalide basi collaborative, tutte quelle notizie che servono a tutelare i diritti giuridici dei superstiti.

Il problema della prevenzione del trauma psichico nei congiunti delle vittime dei disastri aerei: l'esperienza medico-legale pavese / Danesino Paolo; Barbieri Cristiano. - In: JURA MEDICA. - ISSN 0394-8218. - STAMPA. - 19:2(2006), pp. 303-312.

Il problema della prevenzione del trauma psichico nei congiunti delle vittime dei disastri aerei: l'esperienza medico-legale pavese

DANESINO, PAOLO;BARBIERI, CRISTIANO
2006

Abstract

In base alle esperienze maturate in tema di disastri aerei, si è appurato che nella relazione tra il tecnico che deve esaminare i resti cadaverici ed i parenti delle vittime che collaborano alla relativa identificazione si instaura un tipo di rapporto molto particolare. Un rapporto che, se gestito in modo inadeguato, espone il primo al rischio di procedere ad una identificazione enonea ed i secondi ai rischi di una vittimizzazione secondaria, con eventuale aggravamento del lutto patito. Si sottolinea pertanto l'esigenza di far intervenire medici-legali che, oltre a competenze specifiche in tema di identificazione cadaverica, abbiano anche una formazione di tipo psicopatologico. Così facendo, il medico-legale può contribuire da un lato a dare un supporto psicologico al suo interlocutore, per prevenime evoluzioni in senso peggiorativo del relativo status psichico ed evitare condotte incongrue di appropriazione dei reperti, e dall'altro può anche raccogliere, convalide basi collaborative, tutte quelle notizie che servono a tutelare i diritti giuridici dei superstiti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/31316
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact