“Le riviste sono come i gatti”. Il lavoro culturale di Maria Corti