Virginia Woolf, Arnold Bennett, il personaggio e la realtà