Per una osservazione multifocale: riflessioni sul contributo di G. Nigito