Echi e riuso della legge nella letteratura latina