Gruppo, linea e proiezioni armoniche. Continuità e trasformazione della tecnica all’inizio degli anni Sessanta