Cantanti mute. L'eredità dell'opera e il divismo femminile