Sull'elaborazione della nota ai testi di Filò: il dialetto tra lettera e voce