La professione ostetrica, come molte altre professioni sanitarie, si trova oggi ad un punto di svolta. Con il D.Lgs. 206/2007, l'Italia ha recepito le direttive europee in merito a questa professione, ma il cammino verso la piena autonomia è ben lontano dalla sua compiuta realizzazione, sia per oggettive difficoltà di applicazione, sia per gli ostacoli strutturali che ancora affliggono l'erogazione delle prestazioni ostetriche nel nostro sistema sanitario. Particolare attenzione, in questo cammino verso l'autonomia, viene focalizzata sul progetto di istituire un vero e proprio «ricettario ostetrico», realtà già consolidata in molti Paesi, che in Italia si trova ancora in una fase embrionale.

Autonomia e limiti della professione ostetrica: considerazioni prospettiche

FASSINA, GIOVANNI;FERRARI, GIORGIO
2009

Abstract

La professione ostetrica, come molte altre professioni sanitarie, si trova oggi ad un punto di svolta. Con il D.Lgs. 206/2007, l'Italia ha recepito le direttive europee in merito a questa professione, ma il cammino verso la piena autonomia è ben lontano dalla sua compiuta realizzazione, sia per oggettive difficoltà di applicazione, sia per gli ostacoli strutturali che ancora affliggono l'erogazione delle prestazioni ostetriche nel nostro sistema sanitario. Particolare attenzione, in questo cammino verso l'autonomia, viene focalizzata sul progetto di istituire un vero e proprio «ricettario ostetrico», realtà già consolidata in molti Paesi, che in Italia si trova ancora in una fase embrionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11571/413332
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact