Destini incrociati: sull’edizione del “Concerto per pianoforte ed orchestra” di Bruno Maderna (1942)