Tra pensiero e parole. A proposito di La felicità mentale. Nuove prospetive per Cavalcanti e Dante