L’analisi genetica della ripolarizzazione potrà guidare lo sviluppo della terapia antiaritmica?