Lucini tra utopia e simbolo