«Madrigale» e rapporto fra poesia e musica nella critica letteraria del Cinquecento