Contro la veriphobia. Osservazioni sparse in risposta a Bruno Cavallone