Sull'attività antifungina fitoiatrica di 3-aroilanilidi