«Quelle cose che han nome poesia». Qualche osservazione sugli oggetti della «Bohème»