Sulla letteratura vociana: la riforma dei generi e dello stile