Wittgenstein tra estetica ed etica della forma