Tra ripetizione fonica e memoria poetica: l’eco da imago vocis a icona intertestuale