Uno schermo per il "cantore del popolo". Il cinema di Beniamino Gigli