Il giudice e lo storico: considerazioni metodologiche