I limiti soggettivi del giudicato e le 'class actions'