«Cinevita» e la costruzione del popolare